Paulownia

L’albero di Paulownia

Questa bellissima pianta, chiamata anche albero del­la principessa, è presente in Europa sin dall’inizio del 1800 ed è possibile ammirarla in molti giardini e par­chi pubblici.

In questi ultimissimi anni, grazie anche a delle sele­zioni genetiche, sono stati prodotti dei cloni (ed altri sono attualmente allo studio per miglioramento produttivo) con ca­ratteristiche eccezionali per il territorio italiano, che consentiranno uno sviluppo importantissimo della coltura per molte aziende agricole, per la filiera del legno pregiato e per l’abbattimento della CO2 con pro­duzione di grandi quantitativi di ossigeno.

La pianta presenta millenni di storia e di nobiltà in paesi asiatici come la Cina e il Giappone.

Nei millenni questo albero veniva pian­tato alla nascita di una figlia femmina in modo tale che al momento del suo sposalizio, costituisse la dote che la figlia portava, perché il legno pregiato poteva essere utilizzato per produrre il prezioso scrigno per custodire il kimono.

Ma anche per costruire la casa che con il legno di Paulownia non poteva essere preda di incendi.

Questo legno è infatti ignifugo, impermeabile, robu­sto e leggerissimo (viene denominato l’alluminio del legno).

La Paulownia è anche un albero dalla fioritura stu­penda. Boschetti di Paulownia possono diventare oasi di pace, di meditazione, di ristoro e di purificazione all’interno delle moderne città di cemento.

Il legno di Paulownia

L’albero arriva alla maturazione legnosa dal quinto anno se le condizioni di buona gestione vengono ri­spettate.

Il legno di paulownia è di aspetto piacevole, leggero (a umidità normale pesa tra 300 e 400 kg/m3), stabile (possiede un’alta resistenza alla distorsione, alla spac­catura e ha un basso coefficiente di ritiro), durevole (resiste molto bene ai danni da insetti e da funghi), è facile da essiccare e lavorare, da scolpire, da lucidare; è inoltre inodore e particolarmente gradevole al tatto.

Possiede buone caratteristiche acustiche, di isolamen­to termico e dielettrico e presenta un punto di combu­stione tra i più alti conosciuti.

Grazie a queste interessanti caratteristiche, il legno di paulownia può essere utilizzato per molti scopi, per costruire dalle strutture portanti di una casa ai com­plementi di arredo, tranciati, sfogliati e compensati, mobili, serramenti, cornici, giochi, alveari, strumenti musicali, ecc.

Per la sua qualità di leggerezza, raffinatezza e colore pulito, il legno viene im­piegato per interni di aerei e yacht.

Le parti più piccole del tronco superiore sono oggi molto usate per la produzione di cassette ed imbal­laggi.

Lo scarto della pianta (parte del tronco e ramaglie), può venire utilizzato come biomasse per produrre biochar o alimentare centrali elettriche, grazie al suo alto potere calorifico.

Dal secondo taglio, avendo l’apparato radicale rag­giunto un maggiore sviluppo, l’albero assumerà di­mensioni maggiori.

Dopo la prima lavorazione il legno si presenta di co­lore bianco, pulito, senza venature, nodi e difetti; alta resistenza al fuoco, repellente ed inattaccabile da in­setti, parassiti, muffe ed aggressivi, buona elasticità con spessi strati.

Nell’industria del mobile è conosciuto come “ALLU­MINIO DI LEGNO”.

La coltivazione della Paulownia rappresenta una grande opportunità per l’agricoltura italiana e per gli agricoltori che stanno lavorando in condizioni di perdita economica, con colture ed allevamenti che non rendono più come una volta.

Questa pianta possiede tutte le caratteristiche per una coltura modernissima che va incontro alle diverse esigenze di sviluppo del comparto con delle rese in termini economici ai massimi livelli.

La Paulownia è tra le specie di alberi a più rapido sviluppo con una velocità di accrescimento 3-4 vol­te di quelle degli usuali alberi da taglio. Il suo fusto raggiunge rapidamente un robusto diametro tipico di piante di età maggiore.

Il suo ciclo produttivo si ripete fino a 6 volte (media­mente ogni 5 anni) portando la pianta ad una dimen­sione ottimale per il taglio industriale.

Tronchetto Research garantisce un ottimo supporto commerciale nel settore agroforestale per lo sviluppo e la diffusione della Paulownia con cloni scientifica­mente sviluppati ad altissima resa e dall’impatto am­bientale ecosostenibile.

Le continue attività di Ricerca con Università ed En­tri nazionali ed internazionali a supporto dei pro­grammi di sviluppo contribuiscono ad assicurare agli imprenditori agricoli un livello massimo di efficacia produttiva.